Fantamercato Juventus, Llorente, muscoli e qualità per i bianconeri

Fernando Llorente
Fernando Llorente, neo attaccante della Juventus

Fernando Llorente rischia di diventare un giocatore ancora più determinante di Tevez per la Juventus nella prossima stagione. La nostra affermazione si basa su considerazioni tattiche precise: uno dei limiti degli ultimi due anni della Juventus era la monotematicità dello stile di gioco. VECCHIO STILE DI GIOCO – L’azione si avviava sempre palla a terra, con gli attaccanti che facevano movimento per portarsi dietro il difensore di turno e favorire l’inserimento dei centrocampisti. Questo tipo di gioco portava con sé due conseguenze: anzitutto, nel momento in cui veniva bloccato Pirlo e, di conseguenza la parte centrale del gioco, la Juve faticava da matti a costruire un’azione decente. Infatti i lanci lunghi di Bonucci erano facilmente preda dei difensori avversari, dato che davanti c’erano attaccanti di manovra che non avevano nel colpo di testa la loro arma migliore. Da questo assunto veniva la seconda conseguenza e cioè lo sfruttamento ridotto delle fasce. Se, infatti, Lichtsteiner o Asamoah arrivavano sul fondo non potevano mai tentare il cross per gli attaccanti, ma erano costretti ad avvicinarsi all’area per tentare il passaggio rasoterra o a mezz’aria per i compagni. VARIANTI TATTICHE – Con l’arrivo di Llorente, quindi, la Juve avrà la possibilità di variare il proprio stile di gioco e avrà maggiori soluzioni offensive per sbloccare quelle partite contro le piccole squadre, che, finora, ha particolarmente sofferto. Llorente è quindi destinato ad avere un ruolo importante in questa squadra e non farà la fine di Bendtner e Anelka, cioè di giocatori i cui ingaggi ad oggi non trovano un motivo d’essere in nessuna persona che segua il calcio con una minima conoscenza dei concetti base. Lo spagnolo è un centravanti vecchio stampo, alto, forte fisicamente, ma che ha anche una buona tecnica di base. La Juventus, stendendo un velo pietoso sull’ingaggio di Amauri, non aveva un centravanti con queste caratteristiche dai tempi di Trezeguet. Llorente è un centravanti capace di proteggere il pallone, aprire gli spazi per i centrocampisti incursori e si troverà a meraviglia con Tevez, dato che l’argentino ne sfrutterà i movimenti per andare ad attaccare lo spazio liberato dal centravanti spagnolo. GARANZIA DI GOL – Llorente, comunque non è solo una boa, ma è un giocatore che sa anche trovare la porta con buona continuità. Se si eccettua l’ultima tormentata stagione da separato in casa con l’Athletic Bilbao, il centravanti basco è andato in doppia cifra per 5 stagioni di fila, segnando 74 reti in 176 partite (0.4 gol a partita). In totale, in carriera il suo score è di 134 gol in 382 gare (0.3 a gara). Non è un centravanti da 30 gol a stagione, dunque, ma il suo l’ha sempre fatto. La curiosità è che, pur essendo un gigante (è alto 1.95 cm per 90 kg di peso), la maggior parte dei suoi gol li ha segnati di piede, il che fa capire come il centravanti spagnolo abbia un repertorio completo. Con Llorente, quindi, la Juventus acquista non solo muscoli e centimetri, ma anche un giocatore di buona qualità. Il matrimonio tra il centravanti basco e la Vecchia Signora, dunque, è di quelli che potranno durare nel tempo.

SCHEDA GIOCATORE
Nome: Fernando Llorente Torres
Nazionalità: Spagnola
Età: 28 anni
Ruolo: Centravanti
Squadra: Juventus
Ultima Stagione: Athletic Bilbao, 26 presenze – 4 gol