Fantamercato Napoli, Rafael tra apprendistato e il sogno mondiale

Rafael
Rafael, portiere del Napoli

Rafael, nuovo portiere del Napoli, rischia di giocarsi il pass per il mondiale di casa. Il brasiliano, ha infatti deciso di accettare l’offerta dei partenopei, pur sapendo che, nei piani di Benitez, non sarebbe partito titolare. RISERVA DI JULIO CESAR – Il tecnico spagnolo, infatti, per il ruolo di titolare, ha scelto Julio Cesar, in arrivo dal Queens Park Rangers. Rafael, infatti, non è ancora giudicato pronto per ricoprire il ruolo di primo portiere in campionato e Champions League e sarebbe intenzione di Benitez, fargli fare un periodo di apprendistato di almeno un anno, prima di fargli ricoprire i galloni da titolare. Eppure Rafael, a 23 anni, vanta già 94 presenze nel campionato paulista e 57 nel Brasilerao, oltre ad aver già debuttato nella nazionale maggiore. Cifre che, evidentemente, non bastano a convincere Benitez ad affidargli la porta del Napoli a scatola chiusa. La stessa scelta di affidarsi a Julio Cesar, come titolare, è stata fatta per frenare le velleità di Rafael. Se, infatti fosse rimasto De Sanctis, un’ eventuale panchina di Rafael avrebbe fatto più rumore dato che il brasiliano non avrebbe gradito di essere messo in disparte, a vantaggio di un portiere di 36 anni. Julio Cesar, invece, pur avendo anche lui una certa età (33 anni) è l’idolo di Rafael e il giovane brasiliano si è già detto entusiasta di poter far coppia con il collega e connazionale nel Napoli. PREGI E DIFETTI – Un peccato, però, non vedere Rafael all’opera, perché il brasiliano pare avere le qualità per imporsi. Alto e massiccio (1.86 cm per 88 kg), Rafael fa dell’esplosività e della reattività le sue armi migliori. Giocatore essenziale, nel senso che dà poco spazio allo spettacolo, ma sa essere efficace nei momenti topici della gara, Rafael è considerato da tutti il futuro portiere del Brasile. Certo, deve migliorare nelle uscite alte, dato che, nonostante l’altezza, a volte sbaglia i tempi e nella comunicazione con la difesa, visto che è ancora poco autoritario. L’età è però dalla sua. POSSIBILI MUGUGNI – Bisognerà ora vedere, se, alla lunga, il dualismo tra i due, non creerà problemi. E’ vero che Julio Cesar è l’idolo di Rafael, ma è anche vero che il prossimo anno ci saranno i mondiali in Brasile e il giovane brasiliano, vorrebbe far parte della spedizione. Julio Cesar, con il ritorno di Scolari, ha riguadagnato nazionale e posto da titolare e l’ottima Confederation Cup ne ha rinsaldato le certezze. Rafael, invece, la convocazione la deve conquistare. Sicuri che accetterà di buon grado un anno di panchina, rinunciando al sogno di una vita? Alla lunga potrebbe anche stufarsi e chiedere di essere mandato in prestito per giocarsi le sue carte, perché va bene avere la possibilità di giocare in serie A e in Champions, anche se da comparsa, ma vuoi mettere tutto ciò con l’opportunità di disputare un mondiale in casa?

SCHEDA GIOCATORE
Nome: Rafael Cabral Barbosa
Nazionalità: Brasiliano
Età: 23 anni
Ruolo: Portiere
Squadra: Napoli
Ultima Stagione: Santos, 28 presenze – 32 reti subite