Fantamercato Napoli, Raùl Albiol, il comprimario vincitutto

 Raùl Albiol

Raùl Albiol, difensore centrale del Napoli

Raùl Albiol, nuovo difensore del Napoli, è uno di quei giocatori che, in carriera, ha avuto più di quanto meritasse. Il suo palmarès parla di due campionati europei e un campionato del mondo vinti con la Spagna, un campionato Spagnolo, una Supercoppa Spagnola e una coppa del Re con il Real Madrid e un’altra coppa del Re con il Valencia. Troppa grazia per un calciatore del suo livello. LA DEA BENDATA E SANCHEZ FLORES – La fortuna di Raùl Albiol, in nazionale, è stata quella di giocare in un ruolo, quello di difensore centrale, in cui non ci sono grandi interpreti in Spagna, dietro a Puyol e Piquè del Barcellona. In un torneo come la Liga spagnola, dove quasi tutti i centrali sono stranieri, Raùl Albiol in quel ruolo è una mosca bianca. E pensare che lo spagnolo non è un centrale difensivo puro. Nasce, infatti, come centrocampista centrale, poi, Quique Sanchez Flores, a Valencia, lo arretra prima a terzino destro, poi a difensore centrale. Fosse rimasto nel suo ruolo naturale la nazionale l’avrebbe vista in cartolina. Per quel che riguarda il Real Madrid, invece, il suo acquisto è stato uno dei flop della gestione Mourinho al pari di Coentrao e Modric. TRIONFI DA COMPRIMARIO – Se si guarda in faccia la realtà si scopre come tutti i trofei vinti da Raùl Albiol, siano stati ottenuti da assoluto comprimario. Lo spagnolo non gioca una stagione da titolare dal 2009/2010. Nelle successive tre, ha infatti collezionato in campionato 48 presenze su 114 partite, di cui appena 32 dal primo minuto. Mourinho, infatti, non si è mai fidato di lui e, una volta acquistato Arbeloa (avessi detto…) nel ruolo di terzino destro, ha dirottato Sergio Ramos al centro e tolto Raùl Albiol dalla squadra titolare. Stessa cosa è successa in nazionale: nel momento in cui Del Bosque si è reso conto dei problemi di Piquè, invece di promuovere Raùl Albiol a titolare e lasciare Ramos a terzino destro, ha preferito seguire l’esempio di Mourinho. Del resto nei tre trofei vinti con la nazionale, ha raggranellato appena 156 minuti, frutto di due presenze al Campionato Europeo di Austria e Svizzera. In Sudafrica e Polonia/Ucraina non ha giocato neppure un minuto, scaldando solo la panchina. Come un giocatore simile possa essere utile al Napoli è un mistero. POCA QUALITA’ – L’unica qualità dello spagnolo è quella di avere un gran fisico (1.90 cm per 82 kg) che gli permette di farsi valere sui palloni alti. Per il resto, Raùl Albiol è lento, nonostante sia dotato di ampie falcate, tatticamente distratto e non eccezionale nell’uno contro uno. Insomma, con i fantomatici 124.5 milioni di euro messi a disposizione per il mercato, si poteva scegliere decisamente meglio. Nonostante Benitez curi molto la fase difensiva (come dimostrano i 272 gol subiti in 342 partite tra Valencia e Liverpool, per una media di 0.8 gol incassati a gara), il Napoli, dietro rischia grosso. COPPIA PERICOLOSA – La coppia Cannavaro-Raùl Albiol per qualità e tecnica, appare molto debole per la serie A. Inoltre, il fatto che Benitez abbia intenzione di usare Maggio e Zuniga (o Armero), sugli esterni di difesa, deve far riflettere parecchio. Maggio si è sempre dimostrato a disagio nel ruolo di terzino, anche in nazionale, e Zuniga e Armero sono più ali che terzini. Se poi si pensa che, tra le idee del tecnico spagnolo c’è quella di piazzare Hamsik sulla linea mediana al fianco di Behrami, inserendo Insigne dietro la prima punta, allora si capisce come il Napoli il prossimo anno rischierà parecchio. Per questo occorrerebbe un difensore di un livello elevato, cosa che nè Raùl Albiòl, né Cannavaro sono. PANCHINA IN ARRIVO – Vista la poca qualità dello spagnolo, non è da escludere che anche a Napoli, perda rapidamente il posto da titolare, magari a vantaggio di Fernandez che Mazzarri non vedeva, ma che ha sicuramente più qualità dello spagnolo, o, magari di Britos o di quel Bruno Uvini, di cui in patria si dice un gran bene. Raùl Albiol non è all’altezza di una squadra con le ambizioni di quella del Napoli. Anche in azzurro, così, rischia di guardare i compagni conquistare vittorie stando in prima fila, in panchina.

SCHEDA GIOCATORE
Nome: Raùl Albiol Tortajada
Nazionalità: Spagnolo
Età: 27 anni
Ruolo: Difensore centrale
Squadra: Napoli
Ultima Stagione: Real Madrid, 18 presenze – 1 gol