Fiorentina-Sampdoria 2-1, tabellino e pagelle

Giuseppe Rossi, il migliore della Fiorentina contro la Sampdoria
Giuseppe Rossi, il migliore della Fiorentina contro la Sampdoria

La Fiorentina batte la Sampdoria grazie ad un sempre più straordinario Giuseppe Rossi e si porta a 4 punti dalla zona Champions. I viola sono stati in controllo di partita per 70 minuti, poi sono calati e hanno subìto il ritorno della Sampdoria, che ha prima accorciato le distanze e poi, nel finale, sfiorano il pareggio. Il risultato più giusto è però quello uscito dal campo, perché la Sampdoria ha mostrato limiti evidenti in ogni zona del campo e la partita è stata riaperta solo da un eccesso di confidenza della Fiorentina che ha mollato troppo presto, dando per scontata la vittoria. La sconfitta costa la panchina a Rossi, reo di non essere riuscito a dare un’identità precisa ai blucerchiati che languono nei bassifondi della classifica. LE RETI: Fiorentina in vantaggio all’11’ grazie ad un calcio di rigore di Rossi concesso per fallo di Beraardi su Aquilani in un’azione da calcio d’angolo. Al 17’ Pepito raddoppia con un tiro a giro da fuori area . Al 74’ Eder imbecca Gabbiadini che non lascia scampo a Neto.

IL TABELLINO
FIORENTINA-SAMPDORIA: 2-1

FIORENTINA: (4-3-3) – Neto; Tomovic, Gon. Rodriguez, Savic, Pasqual; Mati Fernandez (84’ Vecino), Aquilani, Borja Valero; Joaquìn (70’ Vargas), Rossi, Cuadrado (79’ Rebic). A DISPOSIZIONE: Munùa, Roncaglia, Compper, Alonso, Pizarro, Wolski, Olivera, Ilicic, Matos. All. Montella.
SAMPDORIA: (5-3-2) – Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Palombo, Regini, Berardi (60’ Gavazzi); Obiang, Gentsoglou (52’ Wszolek), Krsticic; Gabbiadini (84’ Pozzi), Eder. A DISPOSIZIONE: Fiorillo, Tozzo, Fornasier, Poulsen, Renan, Eramo, Soriano, Bjarnason, Petagna. All. Rossi.
Reti: 11’ su rig. e 17’ Rossi (F), 74’ Gabbiadini (S)
Ammoniti: Berardi (S), Gentsoglou (S), Mustafi (S). Eder (S)

PAGELLE

FIORENTINA
NETO 6 – Il gol arriva inaspettato, dato che non compie un intervento per tutta la gara. COLPITO A FREDDO.
TOMOVIC 6 – Solita partita da guardiano della fascia. ATTENDISTA.
GON.RODRIGUEZ 6.5 – Gli attaccanti blucerchiati non impensieriscono mai. LUNGO SBADIGLIO.
SAVIC 6 – Devia involontariamente il tiro di Gabbiadini, forse perché sorpreso dal guizzo dell’attaccante blucerchiato. ALL’IMPROVVISO, UN TIRO.
PASQUAL 6 – Lascia a Cuadrado e Joaquìn il compito di affondare e lui se ne sta buono buono a guardare. SPETTATORE.
MATI FERNANDEZ 6 – Serata di poca qualità e molta sostanza. SERATA DA MEDIANO. (VECINO SV)
AQUILANI 6 – Spostato nel ruolo di regista se la cava, anche se gioca fuori ruolo. TUTTO FA BRODO.
BORJA VALERO 7 – Solita partita ad alti livelli.  E SBAGLIA UNA VOLTA!
JOAQUIN 7 – Con la sua tecnica fa ammattire i difensori blucerchiati. FUNAMBOLO. (VARGAS 6 – Entra per dare un a mano, quando la Sampdoria prova a riaprire la partita. UMILE.
ROSSI 7.5 (IL MIGLIORE) – Altri due gol e sono 11 in  12 partite. PUO’ BASTARE?
CUADRADO 7.5 – Velocità supersonica e tecnica sopraffina al servizio della squadra. DEVASTANTE. (REBIC SV).
ALL. MONTELLA 7 –  Altra alchimia tattica, altra vittoria. MAGO MERLINO.

SAMPDORIA
DA COSTA 6 – Sui due gol di Pepito non può nulla. NON RESTA CHE APPLAUDIRE.
DE SILVESTRI 5 – Tra Cuadrado e Joaquin non ci capisce granchè. ABBATTUTO.
MUSTAFI 5 – Serata di grande sofferenza. 1000 PUNTURE.
PALOMBO 5 – L’attacco viola lo abbatte subito. BASITO.
REGINI 5 – Sta ancora cercando di capirci qualcosa. SCOMBUSSOLATO.
BERARDI 4 – Dà il via alla sconfitta causando il rigore. DANNOSO. (GAVAZZI 5 – Entra, ma non combina alcunchè. CAMBIO SPRECATO.)
OBIANG 6 – Uno dei più lucidi. NON MOLLARE MAI.
GENTSOGLOU 5 – Non dà nessun tipo di apporto. PROVA INCOLORE. (WSZOLEK 5 – Altro cambio di nessuna utilità. ININFLUENTE.)
KRSTICIC 4 – Ormai non ci si ricorda più una sua prestazione decente. IN PICCHIATA.
GABBIADINI 6 – (IL MIGLIORE) – Serve il gol che dà una parvenza di reazione alla Sampdoria. PER L’ONORE. (POZZI SV)
EDER 6 – Con Gabbiadini prova a rianimare i suoi. INFERMIERE.
ALL. ROSSI 5 – La sconfitta gli costa la panchina. Non è riuscito a dare un gioco e una fisionomia alla squadra. MISSIONE FALLITA.