Ottava giornata serie A, Atalanta-Lazio 2-1, tabellino e pagelle

Cigarini, migliore in campo dell’Atalanta
Cigarini, migliore in campo dell’Atalanta

L’Atalanta infrange il tabù casalingo della Lazio, tornando a vincere contro i biancazzurri dopo 1372 giorni. La squadra di Colantuono ha creduto di più alla vittoria, mostrando maggior compattezza, rispetto ad una Lazio, troppo arruffona e sconclusionata. Petkovic ha lasciato in panchina Candreva per un tempo, preferendogli l’inconcludente Felipe Anderson e impostando un 4-3-3 con Floccari, Perea e il brasiliano che ha finito per sbilanciare troppo la squadra, anche perché dietro c’era anche Hernanes in versione fantasma. L’Atalanta, invece, ben guidata da Cigarini, ha saputo sfruttare le occasioni avute, centrando cos’ la terza vittoria consecutiva. La differenza tra le due squadre l’ha fatta la chiarezza d’idee dei due tecnici. Il 4-4-1-1 dell’Atalanta è orma collaudato e tutti si muovono sapendo cosa fare. Petkovic, al contrario, continua a cambiare moduli e giocatori e questo finisce per mandare in confusione la squadra. Ora l’allenatore dei biancocelesti deve fare delle scelte precise, perché la Lazio si ritrova a distanza siderale dalle posizioni di vertice e, viste le premesse dell’estate, Lotito sta iniziando a innervosirsi. LE RETI: Atalanta in vantaggio al 41’ con un tiro da fuori di Cigarini che batte Marchetti. La Lazio pareggia al 53’: cross di Lulic, Perea approfitta delle indecisioni di Lucchini e Del Grosso e batte Consigli. Al 84’ Cigarini ruba palla e serve in profondità Denis. L’argentino scarta Marchetti e sigla il 2-1.

IL TABELLINO
ATALANTA-LAZIO: 2-1

ATALANTA: (4-4-1-1) – Consigli; Bellini, Stendardo, Lucchini (57’ Yepes), Del Grosso; Raimondi, Carmona, Cigarini, Bonaventura (69’ Brienza); Moralez (82’ Baselli); Denis. A DISPOSIZIONE: Sportiello, Scaloni, Canini, Brivio, Nica, Kone, De Luca, Marilungo, Livaja. All. Colantuono.
LAZIO: (4-3-3) – Marchetti; Cavanda, Ciani, Cana, Lulic; Onazi, Biglia, Hernanes (79’ Klose); Felipe Anderson (46’ Candreva), Perea, Floccari (69’ Keità). A DISPOSIZIONE: Berisha, Strakosha, Dias, Novaretti, Pereirinha, Crecco, Ledesma, Gonzalez, Ederson. All. Petkovic.
Reti: 41’ Cigarini (A), 53’ Perea (L), 84’ Denis (A)
Ammoniti: Biglia (L), Onazi (L)

PAGELLE
ATALANTA
CONSIGLI 6.5 – Bravo a resistere nel momento di maggior pressione della Lazio. INCROLLABILE.
BELLINI 6 – Svolge con diligenza il compito assegnatogli. ZERO SBAVATURE.
STENDARDO 6.5 – Gioca d’anticipo mostrando personalità. CONTROLLO TOTALE.
LUCCHINI 5.5 – Colpevole sul gol laziale in coabitazione con Del Grosso. NON SI FA. (YEPES 6 – Di fisico e d’esperienza vince tutti i duelli. CORAZZIERE.)
DEL GROSSO 5 – Oltre alla compartecipazione del gol insieme a Lucchini, è artefice di una prestazione decisamente sotto tono. MOLLE.
RAIMONDI 6 – La qualità è quella che è, però si applica. ANIMUS PUGNANDI.
CARMONA 6.5 – Morde e lotta su ogni pallone. SCUDIERO.
CIGARINI 7.5 (IL MIGLIORE) – Un gol, un assist e una prestazione maiuscola. CERVELLONE.
BONAVENTURA 6.5 – Impreciso sotto porta, ma comunque autore di una prestazione tutta sostanza. GIOCATORE DI PERSONALITA’. (BRIENZA 6 – Fa il suo, ma la differenza con Bonaventura si vede. MENO QUALITA’).
MORALEZ 6.5 – Fa ammattire con il suo movimento i difensori laziali. SGUSCIANTE. (BASELLI SV).
DENIS 6.5 – Dorme per 83 minuti, poi segna il gol vittoria. BASTA POCO.
ALL. COLANTUONO 6.5 – Nell’Atalanta tutti sanno cosa fare e il merito è suo. TIMONIERE.

LAZIO
MARCHETTI 6 – Sui gol non può nulla, per il resto se la cava bene. NON IMPUTABILE.
CAVANDA 5.5 – Un salvataggio sulla linea e l’ errore da cui nasce il gol della Lazio. GAMBERO.
CIANI 5.5 – Solite indecisioni, ormai un suo marchio di fabbrica. NON C’E’ NIENTE DI MEGLIO IN GIRO?
CANA 6.5 – Deve stare attento a Denis e guardarsi le spalle dal “fuoco amico” di Ciani. Se la cava in entrambi i casi. DOPPIO LAVORO.
LULIC 6 – Il lancio per il gol e poco altro. Nella nuova posizione non riesce a sfruttare la sua progressione. DEPOTENZIATO.
ONAZI 6.5 – A furia di correre così tanto per tappare le falle biancocelesti, finirà per accorciare la carriera. PRESERVATELO.
BIGLIA 5 – Il paragone con Ledesma è imbarazzante. Troppo lento e impreciso. INADEGUATO.
HERNANES 4 – A questo punto, prima se ne va, meglio è. Manca totalmente di grinta. DANNOSO.
FELIPE ANDERSON 5 – Troppo acerbo e tatticamente non ancora identificabile per poter essere utile a questa Lazio. UFO. (CANDREVA 6 – Non fa il solito partitone, ma la differenza con Anderson è impressionante lo stesso. RINUNCIARCI MAI.)
PEREA 6.5 (IL MIGLIORE) – Un gol di rapina, tanto movimento e spunti pericolosi. Finora l’unico acquisto azzeccato della Lazio di quest’estate. UNO SU SETTE.
FLOCCARI 5 – Gira al largo dalla porta. PER I FATTI SUOI. (KEITA 6 – Prova a svegliare la Lazio con alcuni spunti. VIVACE).
ALL PETKOVIC 4.5 – Continua a fare scelte cervellotiche e a puntare sugli uomini sbagliati. Così si trova a rincorrere tutte le pretendenti alla Champions. DISTRUTTIVO.