Ottava giornata serie A, Roma-Napoli 2-0, tabellino e pagelle

Pjanic, il migliore della Roma
Pjanic, il migliore della Roma

La Roma non si ferma più e batte il Napoli 2-0. I giallorossi ottengono l’ottava vittoria consecutiva nonostante siano costretti a rinunciare a Totti, poco dopo la mezz’ora del primo tempo. Ancora una volta gli uomini di Garcìa si sono dimostrati squadra cinica e compatta, capace di non crollare nel momento di maggior pressione del Napoli e di sfruttare le poche occasioni create grazie a due calci da fermo di Pjanic. Il bosniaco ha prima trasformato una punizione alla fine del primo tempo e poi trasformato un rigore. Nel Napoli, il principale responsabile della disfatta è Benitez. Il tecnico spagnolo, ha sbagliato anzitutto a preferire il fioretto di Pandev alla lama di Higuaìn. In secondo luogo, nel momento di sostituire Britos ha inserito il sempre più disastroso Cannavaro, invece di Fernandez. Infine, ha completato il tutto, facendo entrare Higuaìn solo negli ultimi venti minuti. Insomma, il tecnico spagnolo ha fallito ancora un esame di maturità dopo la brutta prova di Champions con l’Arsenal. LE RETI:  Roma in vantaggio al 49’ del primo tempo con una punizione di Pjanic che si infila nel sette alla destra di Reinas. La punizione era stata generata da un fallo di Cannavaro su Gervinho. Al 71’ ancora Pjanic trasforma un calcio di rigore, ottenuto da Borriello per fallo su di lui di Cannavaro. Nell’occasione, il giocatore napoletano viene espulso.

IL TABELLINO
ROMA: (4-3-3) – De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Dodò; Pjanic, De Rossi, Strootman; Florenzi (81’ Marquinho), Totti (33’ Borriello), Gervinho (57’ Ljajic). A DISPOSIZIONE: Skorupski, Lobont, Torosidis, Burdisso, Romagnoli, Taddei, Bradley, Ricci, Caprari. All. Benitez.
NAPOLI: (4-2-3-1) – Reina; Mesto, Britos (45’ Cannavaro), Albiol, Mesto; Behrami, Inler (83’ Dzemaili); Callejòn, Hamsik, Insigne; Pandev (68’ Higuaìn). A DISPOSIZIONE: Rafael, Colombo, Fernandez, Radosevic, Zapata, Mertens.
Reti: 49’ Pjanic, 71’ rigore di Pjanic
Ammoniti: Pjanic (R), Benatia (R), Pandev (N), Inler (N)
Espulso: 71’ Cannavaro

PAGELLE
ROMA
DE SANCTIS 6.5 – La parata su Pandev, poi rifinita da De Rossi, è come un gol segnato. Da lì, la Roma riprende fiducia. SUONARE LA CARICA!
MAICON 7 – Padrone assoluto della fascia destra, as.falta Mesto e si propone spesso sia in fase di cross che di tiro. PROIETTILE UMANO.
BENATIA 7.5  – Anche questa volta gli avversari gli rimbalzano addosso. Sta giocando su livelli pazzeschi. HIMALAYA.
CASTAN 7 – Anche lui gioca su ottimi livelli ringhiando sugli avversari senza complimenti. K2.
DODO’ 6.5 – La sorpresa della serata. Non soffre la pressione, spinge con costanza e annulla Callejon. E ARRIVO’ ANCHE DODO’.
PJANIC 7.5 (IL MIGLIORE) – Uscito Totti, si carica lui la Roma sulle spalle, mettendo a segno una punizione magnific, trasformando il rigore del 2-0 e inventando alcune azioni da gol. HOUDINI’
DE ROSSI 7 – Arretra molto a protezione della difesa, salvando quasi sulla linea un tiro di Pandev, sporcato da De Sanctis. ULTIMO BALUARDO.
STROOTMAN 7 – Gioca una montagna di palloni, recupera, pressa e riparte. CLONATELO.
FLORENZI 5.5 – Fa molto movimento, attacca lo spazio, ma non riesce a pungere sotto porta. POCO INCISIVO.
TOTTI 6 – La gara del Capitano dura appena 38 minuti in cui comunque fa vedere quello di cui è capace, fungendo da faro della manovra giallorossa. ARRIVEDERCI A PRESTO. (BORRIELLO 6.5 – Prende un sacco di botte, fa salire la squadra e si procura il rigore del 2-0. BISONTE.)
GERVINHO 5.5 – La velocità come sempre è supersonica, però questa volta è meno preciso del solito. INNOCUO. (LJAJIC 6 – Entra e fa il suo, giocando molti palloni e dando quella qualità in avanti che l’uscita di Totti aveva tolto. ILLUMINANTE.)
ALL. GARCIA 7 – Vince anche senza Totti, contro quello che, alla vigilia, sembrava l’avversario più competitivo. LAUREA CON BACIO ACCADEMICO.

NAPOLI
REINA 6 – Incolpevole sui gol, insieme a Britos è l’unico a salvarsi dalla sconfitta. SFORTUNATO.
MAGGIO 5 – Mai uno spunto in avanti, soffre da pazzi Gervinho che per sua fortuna, si rivela inconcludente in fase conclusiva. NULLO.
BRITOS 6.5 (IL MIGLIORE) – Fin quando rimane in campo gli attaccanti della Roma girano al largo. INFORTUNIO INTEMPESTIVO. (CANNAVARO 4 – Entra e si becca subito l’ammonizione, causando la punizione da cui nasce il gol di Pjanic. Poi causa il rigore su Borriello e si fa buttare fuori. TRAGEDIA NAPOLETANA)
ALBIOL 5.5 – Fin quando c’è Britos in campo, le cose vanno lisce, appena si ritrova al fianco Cannavaro deve correre per due e non sempre riesce a tappare le falle. SENZA AIUTO.
MESTO 5 – Non spinge mai e soffre da pazzi le accelerazioni di Maicon. FUORI FASE.
INLER 5 – Benitez lo tiene basso per evitare le letali ripartenze giallorosse, ma  lo svizzero finisce per perdere tutti i duelli. SCONFITTA TOTALE. (DZEMAILI SV).
BEHRAMI 5.5 – Regge l’onda d’urto fin quando i polmoni lo sorreggono. IL PETRI SVIZZERO.
CALLEJON 5 – Mai pericoloso si fa imbavagliare da Dodò che fa un figurone. SENZA PERSONALITA’.
HAMSIK 4 – Si capisce che è in campo solo per la cresta inconfondibile. PLAUSO AL PARRUCCHIERE.
INSIGNE 5 – Intimorito da Maicon, gira al largo dall’area di rigore. L’unica volta che si trova a tu per tu con De Sanctis tira sul palo esterno. IRRICONOSCIBILE.
PANDEV 5 – Sbaglia un gol a tu per tu con De Sanctis, ispira l’altra palla gol del Napoli, poi, più nulla. NON ISPIRATO. (HIGUAIN 5 – Entra troppo tardi. Aggiungiamoci poi che, poco dopo il suo ingresso Cannavaro si fa buttare fuori e il quadro è completo. MALE PER COLPE ALTRUI.
ALL. BENITEZ 4 –  Preferisce il solito, disastroso Cannavaro a Fernandez nel momento in cui deve sostituire Britos. Come se non bastasse tiene in panchina Higuain per più di un’ora a vantaggio di un Pandev che non tira mai in porta. L’UOMO DELLA DISFATTA.