Quarta giornata serie A, gli anticipi, tabellini e pagelle

Francesco Bardi
Francesco Bardi , il migliore del Livorno, contro il Genoa

CAGLIARI-SAMPDORIA 2-2
Il Cagliari butta via una vittoria meritata contro la Sampdoria per eccesso di sicurezza e per le indecisioni di Agazzi. I sardi, che all’88’ conducevano 1-0, hanno subito il pareggio dei blucerchiati all’ 89’ sono tornati in vantaggio al 91’ e sono stati ripresi per la seconda volta al 93’. La colpa degli uomini di Lopez è stata quella di non aver chiuso l’incontro nonostante abbiano avuto il totale controllo della partita per 89 minuti. La Sampdoria deve ringraziare Gabbiadini, ma questo pareggio non può nascondere le lacune vistose a livello di gioco, manifestate dagli uomini di Rossi. LE RETI: Cagliari in vantaggio al 23’ grazie ad un triangolo Ekdal-Pinilla-Ekdal che permette allo svedese di tagliare centralmente la difesa della Sampdoria e battere Da Costa con un tiro potente. Il primo pareggio della Sampdoria arriva all’89’ con un tiro senza pretese da fuori di Gabbiadini che Agazzi, accovacciato in presa bassa, si fa passare tra le gambe. Cagliari nuovamente in vantaggio con unja punizione di Conti al 91’ che lascia di stucco Da Costa. Pareggio definitivo di Gabbiadini al 93’ che devia con il corpo un tiraccio di De Silvestri

TABELLINO E PAGELLE
CAGLIARI (4-3-1-2) – Agazzi 4; Perico 5.5, Rossettini 6, Astori 6, Murru 6; Ekdal 7 (IL MIGLIORE), Conti 6.5, Naingollan 6.5; Cossu 6 (68’ Ibrahimi 6); Pinilla 6, Sau 5 (72’ Ibarbo 5.5). A DISPOSIZIONE: Avramov, Ariaudo, Dessena, Eriksson, Nenè. All. Lopez 6
SAMPDORIA (3-4-2-1) – Da Costa 6; Gastaldello 5.5, Palombo 5.5, Costa 5.5; De Silvestri 6.5, Obiang 6, Krsticic 5, Gavazzi 5.5 (73’ Barillà 5.5); Bjarnason 5 (46’ Sansone), Wszolek 5.5 (57’ Pozzi 5.5); Gabbiadini 7 (IL MIGLIORE). A DISPOSIZIONE: Fiorillo, Mustafi, Salamon, Gentsoglou, Soriano, Regini, Rodriguez, Petagna, Renan. All. Rossi 5.5

Reti: 26’ Ekdal (C), 89’ e 93’ Gabbiadini (S), 91’ Conti (C)
Ammoniti: Conti (C), Ekdal (C), Rossettini (C), Wszolek (S), Obiang (S), Gastaldello (S)
———————————————————————————————–
CHIEVO-UDINESE 2-1
Il Chievo ottiene la prima vittoria stagionale ai danni di un’Udinese opaca, che pare aver smarrito la via del gioco che l’ha sempre contraddistinta. I friulani sono andati in vantaggio dopo appena 51” con Maicosuel, ma si sono fermati lì. Il Chievo è stato bravo a ricompattarsi e a riprendere il pallino del gioco, riuscendo così a ribaltare il risultato. Bravo Sannino a tirare fuori dalla naftalina alcuni uomini rivelatisi decisivi (Frey e Pellissier) e a ricompattare la squadra in un momento difficile. Guidolin, invece, deve ritrovare in fretta la sua squadra. LE RETI: Udinese in vantaggio al 1’ minuto con Maicosuerl. Cesar passa all’indietro a Bernardini che non si intende con Puggioni e si fa soffiare palla da Maicosuel per il più facile dei gol. Il Chievo replica al 13’ con Pellissier che, su suggerimento di Frey, entra in area batte con un diagonale Kelava. Al 40’Allan perde palla a favore di Paloschi che parte in velocità e serve Rigoni. Il tiro del centrocampista, deviato da Danilo, beffa Kekava.

TABELLINO E PAGELLE
CHIEVO (4-4-2) – Puggioni 5.5; Frey 6.5, Bernardini 5, Cesar 5, Dramè 6.5; Sestu 6 (74’ Hetemaj 6), Rigoni 7 (IL MIGLIORE), Radovanovic 6, Estigarribia 5; Paloschi 6 (90’ Bentivoglio SV), Pellissier 6.5 (88’ Thereau SV). A DISPOSIZIONE: Squizzi, Silvestri,Claiton, Lazarevic, Calello, Pamic, Improta, Sardo, Ardemagni. All. Sannino 6.5
UDINESE (3-5-1-1) – Kelava 6.5; Heurtaux 5.5, Danilo 5.5, Bubnjc 5 (80’ Zielinski SV); Basta 6, Badu 5 (63’ Pereyra 5.5), Allan 5.5, Lazzari 5(45’ Di Natale 6.5 – IL MIGLIORE ), Gabriel Silva 5; Maicosuel 6; Muriel 5. A DISPOSIZIONE: Benussi, Naldo, Widmer, Douglas, Mlinar, Fernandes, Jadson, Nico Lopez, Ranegie. All. Guidolin 5.5

Reti: 1’ Maicosuel (U), 13’ Pellissier (C), 40’ Rigoni (C)
Ammoniti: Cesar (C), Estigarribia (C), Pellissier (C), Sestu (C), Frey (C), Gabriel Silva (U),  Basta (U), Danilo (U).
————————————————————————————————
GENOA-LIVORNO 0-0
Il Livorno esce con un buon punto dal campo del Genoa. I toscani sono apparsi squadra solida e in grado di mettere in difficoltà i loro avversari grazie a ripartenze veloci, ma i suoi attaccanti hanno peccato in precisione. Così, a salvarli, alla fine ci has pensato Bardi, reattivo sul colpo di testa di Calaiò, nell’unico vero pericolo creato dagli uomini di Liverani. Il Genoa ha sofferto la serataccia di Lodi e hanno patito il mggior dinamismo del centrocampo toscano.Il punto, comunque, fa felici entrambe le squadre.

TABELLINO E PAGELLE
GENOA (3-5-2) – Perin 5.5; Gamberini 6.5 (85’ Fetfatzidis SV), Portanova 6, Manfredini 6; Vrsaljiko 6.5 (IL MIGLIORE), Biondini 6, Lodi 5 (55’ Cofie 6), Matuzalem 5.5 (73’ Stoian 6.5), Antonini 6; Gilardino 5.5, Calaiò 6.5. A DISPOSIZIONE: Donnarumma, Bizarri, Sampirisi, Bennati, De Maio, Bertolacci, Santana, KOnate, Centurion. All. Liverani 5.5
LIVORNO (3-5-2) – Bardi 7 (IL MIGLIORE); Ceccherini 6, Rinaudo 6.5 (85’ Emerson), Coda 6.5; Schiattarella 6.5, Luci 6, Greco 6, Biagianti 6 (26’ Duncan 6.5), Mbaye 5; Paulinho 5.5, Emeghara 5 (69’ Siligardi 6). A DISPOSIZIONE: Anania, Decarli, Valentini, Gemiti, Lambrughi, Piccini, Belingheri, Benassi, Mosquera. All. Nicola 6

Ammoniti: Lodi (G), Manfredini (G), Gilardino (G), Stoian (G), Paulinho (L)