Sesta giornata serie A, altre partite, tabellino e pagelle

German Denis, migliore dell’Atalanta nelle nostre pagelle
German Denis, doppietta contro l’Udinese

ATALANTA-UDINESE 2-0
L’Atalanta batte l’Udinese con una doppietta di Denis e interrompe la serie negativa di tre sconfitte consecutive. Vittoria meritata quella dei nerazzurri che hanno giocato meglio e costruito le azioni più pericolose. Al contrario, l’Udinese, a parte qualche guizzo solitario (come una sgroppata di Maicosuel che si presenta a tu per tu con Consigli e manda fuori), ha costruito molto poco. Per i friulani si tratta del terzo ko esterno consecutivo. Guidolin dovrà lavorare ancora parecchio sulla tenuta fisica dei suoi, dato che la squadra, è parsa non avere le forze per reagire, dopo aver subito la prima rete di Denis. LE RETI: Al 45’ Atalanta in vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Raimondi prolunga di testa per Denis che, in tuffo, insacca. Il raddoppio arriva al 63’.Loeb di Cigarini per Denis che in area, lascia partire un tiro a incrociare che batte Kelava.

TABELLINO E PAGELLE
ATALANTA: (4-4-1-1) – Consigli 6; Bellini 6, Stendardo 6.5, Lucchini 6 ( 79’ Canini SV), Del Grosso 6.5; Raimondi 6, Cigarini 7, Carmona 6.5, Bonaventura 6.5; Moralez 6 (86’ Brienza); Denis 7.5 IL MIGLIORE (83’ Livaja SV). A DISPOSIZION Sportiello, Polito, Scaloni, Bellini, Nica, Brivio,  Gagliardini,Marilungo, Kone, De Luca. All. Colantuono 6.5
UDINESE: (3-4-2-1) – Kelava 6; Heurtaux 5, Daniloi 5, Naldo 5; Basta 5.5 (Lopez 5.5), Badu 5 (Lazzari 5.5), Allan 6, Gabriel Silva 5; Maicosuel 5.5, Pereyra 5 (Zielinski SV); Di Natale 6 (IL MIGLIORE). A DISPOSIZIONE: Benussi, Schuffet, Bubnjc, Widmer, Douglas, Pinzi, Mlinar, Merkel, Fernandes, Ranegie. All. Guidolin 5
Reti: 46’ pt e 63’ Denis
Ammoniti: Denis (A), Gabriel Silva (U), Badu (U), Danilo (U), Lazzari (U)
————————————————————————————————
CATANIA-CHIEVO 2-0
Il Catania batte il Chievo e ottiene la prima vittoria in questo campionato. La squadra di Maran ha dominato l’incontro. Gli uomini di Sannino sono apparsi, invece, inconcludenti e privi di idee. Il centrocampo, in particolar modo non ha dato alcun contributo in fase di costruzione. La mano del tecnico, da questo punto di vista, non si vede ancora, dato che le ali, rimangono piantate nelle loro posizioni. Sospiro di sollievo, invece, per Maran. Il tecnico è tornato a schierare il 4-3-3 e la squadra ha ritrovato convinzione e gioco. La sua panchina, dopo settimane di turbolenze, si fa più solida. LE RETI: Catania in vantaggio al 22’: Bergessio, spalle alla porta, serve Plasil che, dal limite dell’area, fa partire un tiro che s’insacca all’angolino alla destra di Puggioni. Il raddoppio arriva al 54’: tiro cross di Castro, Bergessio prova a colpire il pallone, ma non tocca, ingannando Puggioni e la palla finisce in rete.

CATANIA (4-3-3) – Andujar 6; Izco 6, Rolin 6.5, Legrottaglie 6.5, Biraghi 6; Plasil 7 (IL MIGLIORE), Tachtsidis 5, Almiron 6 (Guarente 6); Castro (88’ Keko SV), Bergessio 6.5 (76’ Maxi Lopez SV), Barrientos 5.5. A DISPOSIZIONE: Frison, Monzòn, Gyomber, Capuano, Ficara, Freire, Leto, Boateng, Petkovic. All. Maran 6.5
CHIEVO  (4-4-2) – Puggioni 6.5; Frey 5, Bernardini 5, Cesar 5, Dramè 5 (46’ Sardo 5); Sestu 5.5 (53’ Lazarevic 5), Rigoni 6 (IL MIGLIORE), Radovanovic 5.5, Estigarribia 5 (60’ Improta 5.5); Thereau 6, Pellissier 5. A DISPOSIZIONE: Squizzi, Claiton, Papp, Hetemaj, Bentivoglio, Calello, Acosty, Paloschi, Ardemagni. All. Sannino 5
Reti: 22 Plasil, 54’ Castro
Ammoniti: Legrottaglie (Ca), Tachtsidis (Ca), Dramè (Ch), Rigoni (Ch), Radovanovic (Ch)
————————————————————————————————
VERONA-LIVORNO 2-1
Il Verona ha la meglio su un Livorno sprecone grazie ad un calcio di rigore dubbio su Toni. Match equilibrato tra le due neopromosse, con lampi di bel gioco e giocate di classe. Con questa vittoria il Verona arriva a quota 10 punti. Il Livorno, invece, interrompe una serie di quattro risultati utili. LE RETI: Verona in vantaggio al 40’ con un calcio di punizione magnifico di Iturbe su cui Bardi non può nulla. Il pareggio del Livorno arriva al 46’, quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Rinaudo sfugge al controllo di due difensori e insacca di testa. Al 73’ Jorginho trasforma un calcio di rigore concesso per un fallo di Schiattarella su Toni.

TABELLINO E PAGELLE
VERONA: (4-3-3) – Rafael 6.5; Cacciatore 5.5, Moras 6 (Bianchetti 5), Gonzales 5.5, Agostini 6; Romulo 6.5, Jorginho 7, Halfredsson 5 (Donato 6); Gomez 5, Toni 6.5, Iturbe 7 (IL MIGLIORE). A DISPOSIZIONE: Nicholas, Albertazzi, Marques, Martinho, Donadel, Jankovic, Cirigliano, Longo, Cacia. All. Mandorlini 6.5
LIVORNO: (3-5-2) – Bardi 6; Coda 6, Rinaudo 6.5, Ceccherini 5; Lambrughi 5.5 Luci 6, Greco 5 (Belingheri SV), Emerson 6.5 (Duncan 6,  Schiattarella 6.5; Paulinho 6, Siligardi 5 (Emeghara 5.5). A DISPOSIZIONE: Anania, Aldegani, Piccini, Decarli, Mbaye, Valentini, Benassi, Mosquera, Borja. All. Nicola 6.
Reti: 40’ Iturbe (V), 46’ pt Rinaudo (V), 73’ Jorginho (V) su rigore
Ammoniti: Iturbe (V), Jorginho (V), Halfredsson (V), Schiattarella (L)