Undicesima giornata serie A, altre partite, tabellini e pagelle

Domenico Berardi, il migliore del Sassuolo secondo le nostre pagelle
Domenico Berardi, il migliore del Sassuolo secondo le nostre pagelle

LIVORNO-ATALANTA: 1-0
Il Livorno torna a vincere dopo sette turni, battendo una brutta Atalanta, e aggancia il treno delle squadre a 12 punti, con un margine di +3 sulla zona retrocessione. Gli uomini di Nicola hanno giocato meglio, costruendo almeno 3 palle gol nitide oltre al gol, ma sciupando molto. L’Atalanta, dal canto suo, è apparsa la brutta copia di quella che aveva pareggiato contro l’Inter. Gli uomini di Colantuono hanno di fatto rinunciato a giocare, finendo per essere penalizzati anche dall’espulsione di Carmona al 35’, oltre che da una difesa, con un solo giocatore di ruolo. LA RETE: Il gol partita arriva all’ 11’ grazie a Paulinho che sfrutta un filtrante di Greco per entrare in area e battere Consigli con un diagonale

TABELLINO E PAGELLE
LIVORNO: (3-5-2) – Bardi 6; Coda 6, Rinaudo 6.5, Ceccherini 6; Mbaye 6.5, Luci 6.5, Emerson 6.5, Greco 6.5 (77’ Duncan 6), Gemiti 6  (60’ Piccini 6); Paulinho 7 (IL MIGLIORE), Siligardi 6 (70’ Emeghara 5).A DISPOSIZIONE: Aldegani, Anania, Valentini, Decarli, Lambrughi, Benassi, Borja. All. Nicola 6.5
ATALANTA: (3-4-2-1) – Consigli 6; Canini 5, Scaloni 6 (IL MIGLIORE), Migliaccio 5; Raimondi 5, Ciogarini 5, Carmona 4, Del Grosso 5.5 (62’ De Luca 6); Moralez 6 (Marilungo SV), Livaja 5 (83’ Baselli SV), Denis 5. A DISPOSIZIONE: Sportiello, Polito, Caldara, Nica, Kone, Brivio, Cazzola, Gagliardini. All. Colantuono 5
Rete: 11’ Paulinho
Ammoniti: Grecco (L), Coda (L), Rinaudo (L), Moralez (A), Cigarini (A), Raimondi (A)
Espulso: Carmona (A) al 35’
————————————————————————————————–
SAMPDORIA-SASSUOLO: 3-4
La Sampdoria crolla in casa contro il Sassuolo e inizia a vedere le streghe. La squadra di Rossi è andata in svantaggio, ha subìto il pari, è andata sotto di un uomo (espulso Costa) e di due gol, è risalita fino al 3-3 ed è crollata a causa di un calcio di rigore all’89’. Grande protagonista del match è stato il baby prodigio del Sassuolo, Domenico Berardi, autore di una tripletta. Il Sassuolo si è presentato al “Ferraris” con uno spregiudicato 3-4-3 che ha messo a nudo tutti i difetti dell’assetto blucerchiato. I numeri parlano chiaro: quarta sconfitta in casa, sesta stagionale, terza peggior difesa del torneo con 20 reti al passivo, ma, soprattutto, una mancanza di organizzazione tecnico-tattica e una povertà qualitativa che deve far riflettere. Il Sassuolo ha fatto la sua partita, sfruttando la velocità dei suoi uomini e, sopperendo con il gioco offensivo ad una difesa inguardabile. La vittoria ridà saldezza alla panchina di Di Francesco, mentre su Delio Rossi, iniziano a volteggiare i fantasmi di un esonero. LE RETI: Sampdoria in vantaggio al 19’.Punizione di Krsticic, sponda di testa di Berardi per Pozzi che insacca da due passi, di piatto sinistro. Il pareggio del Sassuolo arriva al 49’: su un cross di Longhi, liscia Costa, la palla arriva a Berardi che controlla e batte Da Costa. Al 52’ lo stesso Berardi trasforma un calcio di rigore concesso per fallo di Costa (espulso per doppia ammonizione nell’occasione), sullo stesso Berardi. Al 63’, Floro Flores, approfitta di un errore in disimpegno di Mustafi per entrare in area e battere Da Costa per la terza volta. Al 65’ la Sampdoria accorcia con Eder che sfrutta una sponda di Pozzi per battere Pegolo. All’ 81’ De Silvestri, su un cross da calcio d’angolo, prima colpisce la traversa e poi ribadisce in rete. All’88’ Berardi trasforma un calcio di rigore per fallo di De Silvestri su Farias.

TABELLINO E PAGELLE
SAMPDORIA: (3-4-1-2) – Da Costa 6; Mustafi 4.5, Gastaldello 5, Costa 4; De Silvestri 5; Gentsoglou 5.5, Obiang 5, Gavazzi 5.5 (78’ Wzolek SV); Krsticic 5 (66’ Soriano 6); Pozzi 7 IL MIGLIORE (74’ Petagna 5.5), Eder 6.5. A DISPOSIZIONE: Fiorillo, Renan, Rodriguez, Berardi, Palombo, Fornasier, Eramo, Bjarnason. All. Rossi 4
SASSUOLO: (3-4-3) – Pegolo 5.5; Antei 5, Bianco 5, Acerbi 5.5; Gazzola 6 (86’ Farias 6), Magnanelli 6, Marrone 6.5, Longhi 6.5; Berardi 8 (IL MIGLIORE), Floro Flores 6.5 (74’ Alexe 6), Masucci 6 (64’ Missiroli 6). A DISPOSIZXIONE: Pomini, Rosati, Pucino, Marzorati, Rossini, Ziegler, Laribi, Kurtic, Chibsah. All. Di Francesco 6
Reti: 19’ Pozzi (SAM), 49’, 52’ (rig) e 88’ (rig) Berardi (SAS), 63’ Floro Flores (SAS), 65’ Eder (SAS), 81’ De Silvestri (SAM)
Ammoniti: Gastaldello (SAM), Berardi (SAS), Antei (SAS)
Espulso: Costa (SAM) al 51’
————————————————————————————————–
VERONA-CAGLIARI: 2-1
Il Verona batte il Cagliari, ottiene la sesta vittoria consecutiva in casa, e rimane al quarto posto a pari punti con l’Inter. Gli scaligeri sono stati meno arrembanti del solito, ma hanno fatto valere uno stato di forma invidiabile e un gioco mandato a memoria. Di contro il Cagliari, alla terza sconfitta di fila, paga le numerose assenze. Protagonista della sfida, ancora una volta, l’eterno Luca Toni, al quinto gol in campionato. L’attaccante scaligero continua a stupire, facendo reparto da solo e aprendo spazi per gli inserimenti dei compagni, dimostrando che, quando ci si allena con coscienza, l’età non conta. Il Cagliari, invece, deve ritrovare in fretta gioco e convinzione. Lopez per ora non rischia, ma, con Cellino, non si può mai stare tranquilli. LE RETI: Verona in vantaggio all’8’ quando Toni, sugli sviluppi di un angolo di Romulo, batte Agazzi di testa. Al 57, un triangolo tra Jankovic e Romulo, libera il serbo al tiro e questi, con un destro a giro, raddoppia. Al 90’ cross dalla sinistra di Avelar, la palla arriva sul secondo palo dove Conti, di piatto destro, insacca.

TABELLINO E PAGELLE
VERONA: (4-3-3) – Rafael 6; Cacciatore 6, Gonzalez 6, Maietta 6, Agostini 6; Romulo 7.5, Jorginho 6.5, Halfredsson 6.5 (72’ Sala 6); Iturbe 7 (88’ Longo SV), Toni 7.5 (IL MIGLIORE), Jankovic 7 (61’ Donati 6). A DISPOSIZIONE: Nicolas, Albertazzi, Bianchetti, Rubin, Marques, Donadel, Laner, Martinho, Cacia. All. Mandorlini 7
CAGLIARI: Agazzi 6; Rossettini 5 (81’ Pisano SV), Ariaudo 5, Astori 5, Avelar 6.5 (IL MIGLIORE); Dessena 5, Conti 6, Naingollan 5.5; Cabrera 5 (57’ Ibraimi 5); Sau  5(46’ pt Ibarbo 5), Nenè 5. A DISPOSIZIONE: Avramov, Oikonomkou, Rui Sampaio, Eriksson. All. Lopez. 5.5
Reti: 8’ Toni (V), 57’ Jankovic (V), 90’ Conti (C)
Ammoniti: Nenè (C), Conti (C), Ibarbo (C)