Undicesima giornata serie A, Napoli-Catania 2-1, tabellino e pagelle

Callejòn, il migliore del Napoli contro il Catania
Callejòn, il migliore del Napoli contro il Catania

Il Napoli batte un Catania decimato dalle assenze e rimane appaiato al secondo con la Juventus in attesa della Roma. La squadra di Benitez ha segnato due reti in cinque minuti, ma poi ha avuto il torto di rilassarsi, subendo il ritorno del Catania che ha accorciato le distanze. I partenopei, però, si sono subito ricompattati, sfiorando in  diverse occasioni il terzo gol. Protagonista dell’incontro Callejòn, autore del primo gol e di una prestazione di alto livello. La nota più positiva per Benitez viene però dalla difesa, dove Fernandez cresce a vista d’occhio. Il Catania  ha combattuto fino alla fine, ma ha pagato le troppe assenze. De Canio spera di ritrovare quanto prima tutti i suoi effettivi, perché, salvarsi in queste condizioni, è dura. LE RETI: al 15’ Callejòn lascia partire un sinistro potente che si insacca nel sette. Al 20’ Insigne, in area,  scarica all’indietro per l’accorrente Hamsik che, di sinistro, batte Andujar. Al 26’ Biraghi dalla sinistra, serve Castro a centro area. Il rasoterra dell’argentino non lascia scampo a Reina.

IL TABELLINO
NAPOLI-CATANIA: 2-1

NAPOLI: (4-2-3-1) – Reina; Mesto (7’ Uvini), Fernandez, Albiòl, Armero; Dzemaili, Behrami; Callejòn, Hamsik, Insigne (90’ Mertens); Higuaìn (76’ Zapata). A DISPOSIZIONE: Rafael, Colombo, Cannavaro, Bariti, Inler, Radosevic, Pandev. All. Benitez.
CATANIA: (4-4-2) – Andujar; Alvarez (83’ Rolin), Legrottaglie, Gyomber, Capuano; Izco (70’ Petkovic), Tachtsidis, Almiron, Biraghi (46’ Keko); Castro, Maxi Lopez. A DISPOSIZIONE: Frison, Ficara, Leto, Freire.All. De Canio
Reti: 15’ Callejòn (N), 20’ Hamsik (N), 26’ Castro (C)
Ammoniti: nessuno

PAGELLE

NAPOLI
REINA 6 – Nessuna responsabilità sul gol. Per il resto, serata tranquilla. PECCATO PER IL GOL.
MESTO SV (UVINI 5.5 – Debutto in un ruolo non suo. IN DIFFICOLTA’).
FERNANDES 6.5 – Ormai calato nel ruolo da titolare. A SUO AGIO.
ALBIOL 6.5 – Imbavaglia Maxi Lopez con estrema facilità. BANDITO.
ARMERO 5.5 – Castro lo fa soffrire. PROVATO.
BEHRAMI 6.5 – Come sempre, indispensabile in fase di contenimento. GIGANTE.
DZEMAILI 6 – Da mediano non può far valere la sua capacità d’inserimento, ma rimane comunque positivo. LA CAUSA PRIMA DI TUTTO.
CALLEJON 7.5 (IL MIGLIORE) – Ancora un gol, ancora una partita di altissimo livello. SENSAZIONALE.
HAMSIK 6.5 – Torna al gol dopo un mese e gioca finalmente sui livelli che gli competono. FINALMENTE!!!
INSIGNE 6 – Si vede nell’azione del 2-0, ma è l’unico acuto di una serata sottotono. CI VUOLE PIU’ “FAME”. (MERTENS SV)
HIGUAIN 6.5 – Prova a segnare in ogni modo, ma non ci riesce, però si impegna tantissimo. A VUOTO. (ZAPATA 6 – Sostituisce Higuaìn e non demerita. Il ragazzo ha personalità. CAMBIO PREZIOSO)
ALL. BENITEZ 7 – Miglior avvio di sempre in campionato. La sua squadra fila come un treno. CHAPEAU.

CATANIA
ANDUJAR 6.5 (IL MIGLIORE) –  Sui gol non può nulla, però ne evita almeno altri tre o quattro. TRAVE PORTANTE.
ALVAREZ 5 – Non spinge e va in difficoltà ogni volta che è puntato. SERATACCIA. (ROLIN SV)
LEGROTTAGLIE 5.5 – Questa volta non causa nessun gol, ma Higuaìn lo mette in crisi. SFIDA PERSA.
GYOMBER 5.5 – Se la deve vedere con Hamsik ed è una brutta gatta da pelare. AFFETTATO.
CAPUANO 4.5 – Ripescato dopo un’eternità, si ritrova contro Callejòn. DISINTEGRATO.
IZCO 6 – Contro Behrami è lotta a viso aperto. CAPITANO CORAGGIOSO. (PETKOVIC 5 – Dovrebbe assicurare maggior peso in avanti, ma non si vede mai. FIDUCIA MAL RIPOSTA.)
TACHTSIDIS 5.5 –  Fa giocate scontate, senza mai tentare una giocata. TROPPO LINEARE.
ALMIRON 6 – E’ uno di quelli che s’impegnano di più. Dai suoi piedi vengono i pericoli maggiori. QUALITA’ ED ESPERIENZA.
BIRAGHI 5 – Schierato asla, non riesce ad assolvere ai suoi compiti. BOCCIATO. (KEKO 6 – Molto più attivo, può rivelarsi una pedina importante in chiave salvezza. NOTA LIETA.)
MAXI LOPEZ 5 – Ormai pare un ex giocatore. Mai un acuto o uno spunto. PREPENSIONATO.
CASTRO 6.5 –  Segna il gol che riapre il match ed è l’uomo più pericoloso tra gli etnei. RITROVATO.
ALL.DE CANIO 6 – Con tutte le assenze che ha, rimane in partita fino alla fine. MOTIVATORE.