Guida alla serie A…Lazio 2018/2019: i top e i flop della stagione

Guida alla serie A...Lazio
Guida alla serie A…Lazio

La Rosa

PORTIERI – Strakosha, Proto, Guerrieri
DIFENSORI – Acerbi, Radu, Luiz Felipe, Wallace, Bastos, Caceres, Lukaku, Durmisi, Patric
CENTROCAMPISTI – Berisha, Milinkovic-Savic, Lulic, Lucas Leiva, Basta, Marusic, Luis Alberto, Correa, Di Gennaro, Badelj, Murgia, Parolo
ATTACCANTI – Immobile, Caicedo

MASSIMO E MINIMO
RIGORISTA: Immobile
INSERIMENTI: Luis Alberto, Milinkovic-Savic, Berisha
TOP: Immobile, Milinkovic-Savic, Luis Alberto
SORPRESA: Durmisi, Berisha
DELUSIONE: Acerbi
IN BILICO: Parolo, Lulic

FORMAZIONE BASE
3-5-1-1 Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Berisha, Lucas Leiva, Milinkovic-Savic, Durmisi; Luis Alberto, Immobile

IL TECNICO
Simone Inzaghi è, per duttilità tattica e capacità di far giocare bene le proprie squadre, uno dei migliori tecnici della A. Lo scorso anno, ha, però, fallito l’accesso alla Champions League. Quest’anno ci riprova con una rosa che, però, non è migliorata tantissimo. Non sarà facile centrare l’obiettivo.

Il semaforo dei giocatori

Strakosha (Verde): portiere affidabile, ma che subisce troppo. Quindi è consigliabile un’accoppiata. Dato che quella con il “cugino” Olsen sarebbe troppo cara, consigliamo quella con Berisha. Ventidue alternanze non sono tantissime, ma possono bastare.

Proto (Rosso): destinato a fare la riserva.

Acerbi (Rosso): centrale che a Sassuolo era pompatissimo nei voti, nonostante cappellate a non finire e imbarcate di gol della sua squadra, a Roma rischia un fallimento. Non è un fenomeno e si ritrova a giocare in una difesa a tre dove potrebbe avere più di una difficoltà.

Radu (Giallo): età, acciacchi e qualche errore di troppo non lo rendono più la garanzia di una volta, anche se, da comprimario può ancora andare bene.

Luiz Felipe (Giallo): giocatore che ha qualità, ma soffre ancora di troppi cali di cocentrazione. Questo deve essere il suo anno. I dubbi, però, su una sua crescita esponenziale ci sono.

Bastos (Giallo): Quattro gol lo scorso anno, ma anche troppi errori. Continua a non essere affidabile.

Wallace (Rosso): giocatore su cui neanche Inzaghi fa affidamento più di tanto, visti i numerosi errori cui è soggetto.

Caceres (Giallo): alla fine è il più affidabile nel ruolo di terzo di difesa. Bisogna vedere solo se il fisico lo sorregge.

Lukaku (Rosso): A causa della tendinopatia al ginocchio sinistro sembra destinato al taglio dalla lista della serie A.

Durmisi (Sorpresa): occhio, perchè con Lulic che non dà più certe garanzie, potrebbe presto diventare il padrone della fascia sinistra. Nel Betis ha messo in mostra buona corsa e anhe un tiro niente male.

Patric (Rosso): rimane una riserva che farà poche presenze.

Marusic (Verde): lo scorso anno si è preso il posto da titolare con prestazioni convincenti. Può ripetersi anche in questa stagione.

Berisha (Sorpresa): attenzione a questo kosovaro dal piede magico. Non ci metterà molto a ritagliarsi un ruolo da protagonista nella Lazio.

Parolo (Giallo): i bonus sono sempre meno e l’arrivo di Berisha gli mette pressione anche dal punto di vista della titolarità.

Lucas Leiva (Verde): con Inzaghi ha iniziato a vedere anche di più la porta. Rimane un giocatore altamente affidabile.

Basta (Rosso): ormai ha fatto il suo tempo. Solo spiccioli di gara per lui.

Badelj (Giallo): alla Fiorentina era titolare inamovibile. Alla Lazio rischia di giocare molto meno.

Luis Alberto (Verde): giocatore esploso lo scorso anno e che ha tutto per ripetersi. Tecnica sopraffina, senso del gol e cambio di passo. Da prendere per forza.

Milinkovic-Savic (Verde): l’incognita trasferimento pesa su di lui come una spada di Damocle. Però, se rimane, (soprattutto se rimane convinto) è un assoluto crack.

Di Gennaro (Rosso): Inzaghi già lo scorso anno non lo vedeva. Con l’arrivo di Badlj le cose sono peggiorate.

Lulic (Giallo): ha chiuso malissimo la scorsa stagione che, già di per sè, non era esaltante. Ora, l’arrivo di Durmisi rischia di togliergli anche una titolarità indiscussa fino a qualche mese fa.

Correa (Giallo): rimane da capire come si adatterà agli schemi di Inzaghi. Oscilla pericolosamente tra i destini di Nani e l’ultimo Felipe Anderson.

Murgia (Rosso): ancora non riesce ad avere continuità e la concorrenza è anche aumentata.

Immobile (Verde): magari non ripete i 29 gol dello scorso anno, ma 20-22 sono assolutamente alla sua portata. Rimane uno dei bomber migliori della serie A.

Caicedo (Rosso): non ha convinto lo scorso anno. Se rimane, è solo perchè non è arrivato un sostituto.