Napoli-Milan 3-1, tabellino e pagelle, Higuaìn dirompente

Gonzalo Higuain, il migliore del Napoli
Gonzalo Higuain, il migliore del Napoli

Il Napoli batte il Milan in un match vibrante e torna alla vittoria dopo un periodo buio, rispondendo al successo della Fiorentina nel pomeriggio. La differenza tra Napoli e Milan, però, è tutta nel centravanti. Ad attaccanti, invertiti, infatti, il Milan avrebbe sbancato il San Paolo. Il confronto tra Higuaìn e Balotelli è stato impietoso. L’argentino, vero uomo squadra e campione, ha trascinato i suoi la vittoria, non solo segnato due reti, ma anche per il gran movimento fatto per tutta la partita. Dall’altra parte, l’italiano, ha sfoderato un’altra prova orrida, sbagliando tutto quello che poteva sbagliare e risultando l’uomo in meno dei rossoneri. Le lacrime sgorgate dagli occhi dell’attaccante, dopo essere stato sostituito, testimoniano che il ragazzo si è accorto di non riuscire a dare quanto si pretenderebbe da lui. Il problema è, che questo Milan, così com’è costruito, ha assoluto bisogno del vero Balotelli, perché senza i suoi gol, i rossoneri non possono andare lontano. Napoli e Milan hanno presentato due moduli  speculari con il 4-2-3-1 che ha messo in evidenza le potenzialità offensive delle due squadre, ma anche gli enormi problemi di squilibrio di entrambe. Le difese sono state entrambe disastrose, evidenziando errori marchiani e solo le imprecisioni degli attaccanti non ha fatto sì che la partita avesse bisogno di un pallottoliere. Nel Milan la nota lieta è Taarabt, subito in gol e migliore dei suoi, ma questo Milan, continua a incassare gol con irrisoria facilità e, in queste condizioni, continuare a schierare quattro punte che non rientrano mai, è un vero e proprio suicidio. Seediorf si è guadagnato il soprannome di “professore” quando giocava, per la sua intelligenza tattica, ma, da allenatore, sta facendo la figura del “poppante”, prendendo lezioni da chiunque. Forse, farebbe meglio a rivedere un po’ le sue idee. Neanche Benitez se la passa bene. La vittoria di stasera non cancella i dubbi su una squadra che subisce con irrisoria facilità le ripartenze avversarie. Lo spagnolo, però, non ne vuol sapere di cambiare modulo e continua sulla sua strada. Vedremo se alla fine avrà da pentirsi della sua testardaggine. LE RETI: Milan in vantaggio al 7’ con Taarabt. Il francomarocchino al 7’, parte da centrocampo, arriva al limite dell’area e batte Abbiati con un tiro chirurgico. All 11’ Inler, da fuori area, tenta il tiro, il pallone, deviato da De Jong, si innalza a palombella e beffa Abbiati. Al 55’ un cross dalla trequarti mancina di Inler, pesca la testa di Higuaìn in area e l’argentino insacca. All’82’ Hamsik suggerisce sulla destra per Callejòn, lo spagnolo mette al centro per Higuaìn che sigla la sua personale doppietta.

TABELLINO E PAGELLE
NAPOLI-MILAN 3-1

NAPOLI: (4-2-3-1) – Reina 5; Maggio 5, Fernandez 5.5, Albiol 5.5, Ghoulam 6.5; Inler 7.5 (88′ Dzemaili SV), Jorginho 6.5; Mertens 7, Hamsik 6.5 (83′ Behrami SV), Insigne 6.5 (78′ Callejon SV); Higuain 8. A disp. Rafael, Colombo, Uvini, Henrique, Britos, Behrami, Dzemaili, Radosevic, Pandev, Callejon, Zapata. All. Rafa Benitez 6.5.
MILAN: (4-2-3-1) – Abbiati 5; De Sciglio 5, Rami 5, Mexes 4.5, Emanuelson 5 (70′ Montolivo 6); De Jong 6, Essien 6.5; Abate 6, Taarabt 7 (IL MIGLIORE), Robinho 4.5 (46′ Kakà 5); Balotelli 4.5 (73′ Pazzini 5.5). A disp. Amelia, Gabriel, Constant, Silvestre, Zaccardo, Montolivo, Poli, Muntari, Saponara, Kakà, Petagna, Pazzini. All. Seedorf  5.
Reti: 7′ Taarabt (M), 11′ Inler (N), 55′ e 82′ Higuain (N)
Ammoniti: Inler (N), Jorginho (N), Callejòn (N),  Abbiati (M), Taarabt (M)